Arte in quarantena: esempi di solitudine creativa

L’atto creativo è un processo solitario?

Non sempre, esempi di creazione collettiva ne è piena la storia in ogni campo.

Ma quando si parla di arte, la creazione indubbiamente coinvolge in primis il proprio “io” profondo.

Stare soli con se stessi può aiutare a (ri)trovare la giusta ispirazione dando vita così a opere di design notevoli e altrimenti impensabili.

E quale miglior momento di questo per dar vita a opere d’arte in quarantena?

 

Soli ma ispirati: opere di design di arte in quarantena

Quando creaiamo siamo completamente immersi in una realtà “altra”.

Siamo noi con la nostra mente e con il nostro “meccanismo” creativo.

Per far funzionare al meglio questo meccanismo dobbiamo creare le giuste condizioni.

La solitudine, intesa anche come distacco da qualsiasi tipo di dispositivo di comunicazione elettronica, può essere un potente coadiuvante per la nostra ispirazione.

È scientificamente dimostrato infatti che il distacco totale dalla socialità aiuta il cervello a svilluppare nuovi automatismi creativi.

Ovvio, questo non può durare per sempre. Abbiamo bisogno degli altri, del mondo esterno, senza alcun dubbio.

Ma vista e considerata la situazione in cui ci troviamo in questo momento, perché non approfittarne per stimolare la nostra creatività?

In questo articolo abbiamo raccolto alcuni lavori di arte in quarantena realizzati nelle ultime settimane da designer e creativi di tutto il mondo.

Buona visione.

 

Immagini da: thedesignest.net