Come creare il brief perfetto per un progetto di design

Il brief è un documento importantissimo per qualsiasi progetto di design.

Consente infatti l’allineamento tra le possibilità offerte dal designer e le aspettative del cliente.

Questo da un lato semplifica e agevola la gestione dell’intero progetto da parte del designer e dall’altro offre al cliente un valido strumento di controllo su ciò che viene fatto.

I vantaggi derivanti dall’utilizzo del brief in ambito design sono innegabili:

  • comprensione delle esigenze e delle aspettive del cliente
  • cliente tranquillo e coinvolto
  • definizione precisa di ruoli e tempistiche
  • miglioramento delle comunicazioni e delle relazioni di lavoro
  • strumento per appianare le divergenze

 

Ma quali sono gli elementi che concorrono alla creazione di un brief di progettazione in ambito design?

brief design

 

Vediamoli qui di seguito:

Panoramica introduttiva e scopo del progetto

Nel primo paragrafo viene descritto a grandi linee il progetto mettendo in evidenza in particolare il fine ultimo che ci si propone di raggiungere. Quindi le domande a cui rispondere sono “In che COSA consiste il progetto?” e “PERCHÉ realizzare questo progetto?”.

Obiettivi concreti e particolari (KPI)

Nel secondo paragrafo si cercherà di scendere più nel dettaglio riguardo agli obiettivi da raggiungere in vista dello scopo ultimo del progetto. In questa parte andranno elencati i singoli obiettivi concreti e particolari da raggiungere secondo tempi e modi concordati con il cliente. Insomma si stabiliscono le varie KPI.

Brand e profilo aziendale

In questa parte viene descritto dettagliatamente il profilo dell’azienda, viene enunciata la sua mission e la sua vision. Vengono portati in superficie valori, filosofia e la proposta di valore per il cliente. Questo è utile per definire il posizionamento del brand sul mercato e quindi definire la conseguente strategia comunicativa anche dal punto di vista del design.

Analisi del pubblico target

Nel quarto paragrafo si andrà ad analizzare e a definire il pubblico target e in particolare a creare la cosiddetta buyer persona, ovvero il profilo del cliente ideale che si vuole intercettare con la strategia.

Pianificazione e tempistiche

Questo è il momento in cui si stabiliscono e si programmano le azioni da fare e soprattutto le tempistiche con cui vengono realizzate. È importante mettere nero su bianco chi deve fare cosa, secondo quali modalità e quali tempistiche. Sia il progettista che il cliente hanno il dovere di rispettare le consegne del brief.

Budget e risorse

Infine si stabiliscono le risorse economiche e di personale necessarie per l’implementazione del progetto di design. Anche questa parte è fondamentale perché chiarisce nero su bianco quali sono i compensi dovuti e le eventuali garanzie per il cliente.

Come vedi un buon brief per un progetto di design si compone di varie parti che devono essere tutte valutate e considerate con la dovuta attenzione.