Consigli di design per le Google Ads Display

Non è facile oggi riuscire a catturare l’attenzione degli utenti con gli annunci online.

Le persone si sono abituate alla presenza dei banner all’interno dei siti web.

Per questo se da un lato appaiono sempre meno sensibili alla pubblicità, dall’altro sono anche in grado di adottare sistemi di difesa efficaci (sanno ad esempio che possono chiudere l’annuncio).

Quindi creare un buon design per le Google Ads delle campagne Display è più complicato di quel che può apparire a prima vista.

In questo articolo troverai alcuni utili consigli che ti suggeriamo di considerare con attenzione quando ti troverai a progettare le tue ads.

4 principi di design per le Google Ads Display

design per le google adsSpazio vuoto.

Come per ogni altro tipo di pubblicità impattante anche un buon design per le Google Ads di tipo Display deve dare il giusto spazio allo spazio… vuoto. Inutile riempire i banner con informazioni che gli utenti non leggeranno mai. Molto meglio puntare su pochi elementi visivi e testuali che sappiano però colpire subito l’immaginario del pubblico target.

Colore.

Su come utilizzare il colore nel design per le Google Ads occorre fare alcune considerazioni importanti. Da un lato il colore può essere l’elemento in grado di catturare lo sguardo dell’utente veicolando le giuste emozioni; dall’altro però può essere utilizzato anche in maniera complementare rispetto alla palette del sito web in modo che il banner sembri parte integrante del sito stesso. Sono due approcci opposti, ma possono essere entrambi efficaci.

Immagine.

Se l’obiettivo è “fare colpo” sull’utente in pochi secondi allora la scelta dell’immagine può rivelarsi fondamentale. Un’immagine spiazzante e sorprendente abbinata a un uso sapiente del colore può davvero fare la differenza in tale senso. Ricorda sempre che le persone sono stanche delle solite, banali cose. Quindi devi essere in grado di selezionare un’immagine in grado di lasciarle a bocca aperta. Ovviamente un’immagine che sia di qualità superiore alla media.

Call to action.

Infine dopo essere riuscito ad attirare l’attenzione devi fare in modo che questa attenzione si tramite in azione, ovvero che l’utente sia portato a cliccare sull’annuncio il prima possibile. Per farlo hai bisogno di una call to action semplice e incisiva che esprima in maniera chiara il beneficio che l’utente potrà ottenere. Quindi non limitarti al banale “scopri di più”. “Fai crescere la tua azienda”, “Gioca per vincere”, “Ottieni il meglio per te”, sono solo alcuni esempi di CTA performante.

Prova a mettere subito in pratica questi principi generali, testa il design delle tue Google Ads e trova la combinazione migliore.

 

Photo credit: Freepik