Freelancer vs agency: cosa scegliere?

Bel dilemma per chi si approccia per la prima volta al mondo del graphic design alla ricerca di un buon servizio.

Freelancer vs agency, quale delle due soluzioni è la migliore?

È meglio affidarsi a un libero professionista in proprio oppure a un’organizzazione di squadra vera e propria? Quali sono i pro e i contro?

Cerchiamo di metterci per un attimo dal tuo punto di vista, cioè del potenziale cliente alla ricerca appunto di un buon servizio di graphic design per la realizzazione, ad esempio, della brand identity completa per il tuo nuovo business che stai per lanciare.

È importante innanzitutto definire il contesto di partenza. Se appunto sei agli inizi e stai per lanciare la tua attività (cioè non hai un business già avviato e “fatturante”) la scelta del freelancer potrebbe essere in effetti quella più azzeccata.

E vediamo perché.

 

Freelancer vs agency: per chi deve avviare un business?

Un freelancer rispetto a una agency deve sostenere meno costi di gestione dell’attività: non ha dipendenti, ha molte meno tasse da pagare, non deve gestire la contabilità. Insomma la sua attività è molto più semplificata. Questo significa che anche i costi per il cliente finale possono essere più accessibili.

freelancer vs agencyUn altro aspetto importantissimo riguarda il rapporto tra cliente e fornitore del servizio. In questo caso tra committente e freelancer non ci sono intermediazioni; la comunicazione avviene in maniera diretta e colui che deve realizzare operativamente il lavoro può interagire con il cliente e ascoltare e intepretare praticamente quasi in tempo reale le sue esigenze e richieste.

Questo rapporto diretto e stretto fa sì che il freelancer si dedichi anima e corpo al cliente e al suo progetto. Non ci sono deleghe, è lui in prima persona ad occuparsene. È vero, talvolta anche un freelancer può avvalersi di collaborazioni esterne, ma di solito anche gli altri professionisti coinvolti hanno la possibilità di interfacciarsi con il cliente.

Tutto ciò si traduce in una maggiorre propensione all’ascolto e al soddisfacimento delle esigenze del cliente.

Attenzione però! Con ciò non vogliamo dire che la soluzione agenzia non sia valida. Come detto all’inizio, molto dipende anche dal contesto di partenza. Ad esempio nel caso grandi aziende già strutturate la soluzione agenzia può rivelarsi in effetti quella più indicata.

Freelancer vs agency , la sfida continua…