Tratti e peculiarità del graphic design giapponese

Il design giapponese, che coinvolge vari settori dall’architettura alla moda, alla grafica pubblicitaria, è famoso in tutto il mondo per il suo stile unico e ben riconoscibile.

In particolare il graphic design giapponese è caratterizzato da elementi grafici peculiari e originali che lo rendono un esempio davvero speciale.

In questo articolo proveremo a darvi conto delle sue principali caratteristiche e dei suoi tratti fondamentali.

 

Un po’ di storia

Lo stile giapponese ha direttamente a che fare con la cultura, la storia e l’identità di un popolo che si manifesta in maniera totalmente differente rispetto a quello occidentale.

Fino all’800 il Giappone è sempre stato per sua scelta chiuso e isolato rispetto al mondo esterno. Con la caduta del dominio feudale dello shogunato Tokugawa avvenuta nel 1868 il Paese si è aperto man mano nel corso dei decenni alla cultura occidentale.

Questo non solo ebbe un profondo effetto sull’arte e sul graphic design giapponese, ma anche in senso opposto su ciò che è considerato arte e design “occidentale”.

In particolare con l’industrializzazione e il boom economico del secondo dopoguerra il Giappone fu profondamente influenzato dal Costruttivismo e soprattutto dal Bauhaus.

Fino ad arrivare agli anni ’90 del secolo scorso, in cui il culto del design giapponese è letteralmente esploso anche in Europa e negli USA.

 

Principali caratteristiche

Ma cerchiamo di andare più a fondo e analizziamo più in dettaglio quali sono i tratti peculiari del graphic design giapponese.

Il design giapponese è minimalista e come tale rifiuta il consumismo moderno e aspira alla semplicità. Questo si traduce in un tratto grafico intuitivo, quasi sempre asimmetrico, caldo e fluido. La sua estetica è pulita, ma non fredda.

All’estremo opposto del minimalismo c’è il concetto di Kawaii. Kawaii è la cultura popolare esplosa negli anni ’70 riguardante tutto ciò che può essere considerato “grazioso” e “carino”. Questa tendenza ha avuto una grande influenza sul graphic design giapponese ma anche sull’immagine che gli occidentali hanno di un certo stile orientale.

Uno degli aspetti caratterizzanti della cultura giapponese è senza dubbio la lingua e la scrittura che fanno riferimento a 3 alfabeti diversi spesso utilizzati anche all’interno della stessa frase. Anche per questo la tipografia nipponica ha sempre incuriosito e affascinato noi occidentali.

I giapponesi sono estremamente consapevoli del mondo che li circonda. Nella loro vita la natura riveste un ruolo centrale, tant’è che ogni anno il 4 maggio celebrano la Giornata del Verde. Tutto questo si estende anche nel graphic design.

Un ultimo aspetto ben presente nella cultura visuale nipponica è il simbolismo e la presenza di emblemi e simboli tipici di quel mondo.

 

Photo credit: Freepik