C’è davvero bisogno di fare pratica per migliorare nel disegno?

Fin da bambini ci sentiamo continuamente ripetere che la pratica, l’esercizio quotidiano ci aiutano a migliorare e ad avvicinarci alla perfezione (per quanto nessuno potrà mai raggiungerla).

Questa affermazione suona ai più come ovvia e scontata. E lo appare ancora di più se pensiamo al disegno grafico e all’illustrazione.

Ma viene naturale chiedersi se nell’epoca della digitalizzazione selvaggia ci sia davvero bisogno di fare così tanta pratica manuale per migliorare nel disegno.

Cerchiamo di indagare la questione un po’ più a fondo.

 

Migliorare nel disegno allenando la mente?

È innegabile che l’esercizio manuale aiuta a migliorare in tutti i campi.

Tuttavia oggigiorno il mercato non richiede di essere perfetti. Ciò che conta è la velocità e la capacità di cavarsela in ogni contesto.

Questo vale anche per chi disegna. Oltretutto i software oggi ci danno la possibilità di salvare mille versioni di un disegno e di tornare indietro nel nostro percorso di creazione.

Dunque abbiamo davvero così bisogno di fare pratica per migliorare nel disegno se possiamo semplicemente fare “undo” e correggere l’eventuale errore o imperfezione?

In effetti esercitarsi con lo schizzo su carta oggi appare inutile da un certo punto di vista.

Ciò non significa che i lavori personali non abbiano valore, tutt’altro. Ma la cosa importante nella società della conoscenza in cui viviamo oggi (alcuni la chiamano infosfera) ciò che conta prima di tutto è allenare le capacità intellettive prima che quelle manuali.

Si può essere d’accordo o meno con questa affermazione e sull’opportunità di ridurre un lavoro creativo come quello del disegno a prassi puramente mentale.

Tuttavia c’è un dato di fatto inopinabile: il mercato esige questo e il progresso tecnologico è lì a dimostrarlo.

La manualità è un aspetto importante dell’essere umano e certamente non va persa; tuttavia oggi è l’aspetto mentale a fare la differenza.

Il cervello è il muscolo più importante da allenare.

Voi cosa ne pensate?

Photo credit: Freepik