I migliori color picker per carpire i segreti cromatici più reconditi

Ogni graphic designer può contare sulla propria cassetta degli attrezzi, quel kit di strumenti tarati su misura che gli permettono di esprimersi al meglio e dar sfogo compiutamente a tutta la sua creatività.

Uno degli strumenti che non può mai mancare in qualsiasi toolkit per designer degno di questo nome è senza dubbio un buon color picker, ovvero un piccolo strumento digitale che permette con un semplice click di carpire il “segreto cromatico” di qualsiasi elemento grafico digitalizzato.

Le classiche suite creative dispongono già di default di questa funzionalità apparentemente banale, ma spesso può capitare di avere la necessità di utilizzare un color picker anche al di fuori dei soliti Photoshop, Illustrator o Gimp.

Qui di seguito puoi trovare una interessante lista di color picker disponibili online e che puoi usare senza remore.

 

Scegli il color picker su misura per te

color picker

 

Puoi decidere ad esempio di affidarti a Instant Eyedropper, un tool gratuito solo per Windows che supporta un’infinità di codici colore, HTML, HEX, Delphi Hex, Visual Basic Hex, RGB, HSB, ecc.

Oppure, sempre per rimanere in ambiente Windows può decidere di optare per ColorPic. Pensato per schermi ad alta risoluzione, permette di salvare fino a 16 colori per ogni palette. Non è gratuito ma offre una versione Trial completa.

Tra le estensioni browser per Chrome, ti consigliamo di provare due strumenti molto simili e altrettanto leggeri ed efficaci: Eye Dropper e ColorPick Eyedropper. Il secondo si lascia preferire rispetto al primo perché permette di zoommare in profondità e decifrare qualsiasi dettaglio cromatico.

Se parliamo invece di estensioni browser per Firefox i due nomi da tenere in considerazione sono senza dubbio ColorZilla e Rainbow Color Tools. Sono entrambi gratuiti, con la differenza sostanziale che il secondo dispone anche di un analizzatore cromatico per siti web che consente di decifrare la palette di colori utilizzata dal web designer.

Per chi lavora su Mac, il color picker consigliato in questo caso è ColorSnapper 2. Si tratta di un’app gestibile completamente tramite shortcut che permette di scegliere fino a 10 formati differenti. Non è gratuita ma è disponibile in versione trial.

Idropper è invece il color picker preferito per chi opera su ambiente iOS. Sono sempre di più in effetti i designer che lavorano su mobile e certamente iDropper è un tool che non può mancare nella loro cassetta degli attrezzi. A meno che…non lavorino su Android! Allora in quel caso la soluzione Pixolor.

Infine, se invece cerchi qualcosi di universale e compatibile con il maggior numero di sistemi operativi, allora il tuo tool si chiama Just Color Picker, una vera e propria utility multi-piattaforma.