Lo spazio bianco in progetti grafici per siti web

Partiamo da una constatazione elementare: lo spazio bianco all’interno di una pagina web costituisce un elemento assai rilevante per il livello di usabilità del sistema e di leggibilità dei contenuti. Per rendersene conto è sufficiente immaginare una pagina piena zeppa di testi e immagini: vi trovereste in grande difficoltà e certamente la navigazione non sarebbe per voi affatto facile né tantomeno utile o gratificante. Il ruolo dello spazio bianco, definito in gergo anche “spazio negativo”, all’interno di progetti grafici per siti web, dunque, non può essere trascurato. Quelli che potete ammirare più in basso sono alcuni esempi che attestano chiaramente l’importanza di questo elemento per una buona impaginazione dei contenuti web.

Micro-spazio e macro-spazio

Al contrario di ciò che si potrebbe inuitivamente pensare, lo spazio negativo è un elemento “attivo” del web design, in quanto, se utilizzato in maniera appropriata permette di esaltare i contenuti della pagina conferendo armonia e fluidità visiva al layout. Possiamo distinguerne di tue tipi: il micro e il macro spazio bianco. Lo spazio micro è quello che si interpone tra piccoli elementi grafici come ad esempio le parole di un testo oppure le didascalie associate a determinate immagini. Questo genere di spazio è necessario per favorire in particolare la leggibilità dei contenuti testuali. Quello macro invece è rappresentato dallo spazio interposto tra gli elementi grafici più grandi. In entrambi i casi l’occhio esperto di un graphic e web designer è fondamentale per capire come realizzare progetti grafici per siti web che risultino semplici da usare e navigare.

Progetti grafici per siti web: l’influenza dello spazio negativo sull’utente

È evidente dunque che lo spazio negativo esercita una notevole influenza sulla percezione visiva degli utenti. Un elemento grafico ben distanziato dagli altri riesce in questo modo a mettersi in evidenza e a balzare più velocemente agli occhi dell’utente. Pensate ad esempio a un pulsante con una call-to-action a cui è associato un link: se desiderate che l’utente clicchi su quel link la cosa migliore da fare è metterlo bene in evidenza creando uno spazio adeguato attorno di modo che egli possa subito rendersi dell’azione da compiere. Si tratta di piccoli, ma importanti accorgimenti che all’interno di progetti grafici per siti web fanno davvero la differenza.

E ora, come dicevamo pocanzi, date un’occhiata a questi splendidi esempi: c’è davvero tanto da imparare. Buona visione!